Saturday, December 7, 2019
 

Nuova Manifattura, Green Economy e Politica Industriale

Luigi Paganetto (a cura di), 2014

Nuova Manifattura, Green Economy e Politica Industriale

Eurilink

AUTORI

A. Airaghi, P. Bianchi, C. A. Bollino, I. Cipolletta, S. De Nardis, C. De Vincenti, A. Macchiati, C. Manna, S. Micheli, S. Mori, L. Paganetto, P.L. Scandizzo, C. Secchi.

ABSTRACT

PARTE I

L’UE ha da tempo posto al centro della sua attenzione la green economy. Solo di recente ha ripreso a considerare la politica industriale come strumento per realizzare innovazione e sviluppo.

La questione che si vuole affrontare è quella della  fattibilità di politiche industriali capaci di stimolare creatività e invenzione, nonché sviluppo di imprese rivolte a nuovi prodotti e servizi. Non certamente quella di politiche che affidano le proprie scelte al dirigismo e allo Stato.

World Bank e OECD stanno da tempo producendo una solida documentazione ed evidenza sul ruolo della green economy come driver dello sviluppo. Già la sola adozione di politiche ambientali mirate alla conservazione delle risorse ha effetti diretti sulla crescita economica. La UE adotta politiche volte a combattere il cambiamento climatico, nella convinzione che l’evoluzione delle tecnologie energetiche e ambientali possa contribuire all’emergere di una “nuova rivoluzione industriale”. I nuovi metodi di misura del Pil consentono oggi di valutare gli aumenti di benessere legati all’eco-sostenibilità dei sistemi economici. Ma è soprattutto sull’innovazione “verde” e le politiche ambientali, viste nella loro capacità di determinare una spinta allo sviluppo, che si incentra l’incontro. Esso è diretto a mettere a confronto le posizioni di esperti ed accademici nel momento in cui nel nostro paese si contrappongono le diverse “agende” che indicano possibili modalità di uscire dalla crisi. Ci chiediamo, dunque, se i temi prevalenti nelle diverse agende sono quelli utili a ridare il necessario dinamismo al nostro sistema economico. L’idea che si intende sottoporre a verifica è quella della centralità, per il benessere e lo sviluppo, dell’adozione di politiche fondate sullo stimolo all’innovazione e alla “green economy”.

PARTE II

Stanno cambiando ruolo e caratteri della manifattura?

Il “ritorno” della manifattura è un fenomeno recente negli USA, ma ha già impegnato studiosi ed operatori in un crescente numero di analisi e rapporti. Lo sfondo è quello dei cambiamenti che si accompagnano all’uso delle nuove tecnologie e allo spostamento di ricchezza verso i paesi emergenti, a cominciare da quelli del sud-est asiatico. Questi cambiamenti stanno producendo in questi paesi un notevole aumento di salari e costi, assieme ad una crescita dei consumi che li ha resi molto attraenti  e ha determinato nuove forme di competizione.

In questo contesto si verifica un allargamento dell’area di attrazione degli investimenti, un aumento dell’importanza dell’investimento in infrastrutture adatte alla manifattura avanzata, nonché dell’importanza della capacità di innovare e, soprattutto di disporre ci capitale umano con skills aggiornati.

Siamo di fronte ad un’evoluzione epocale dei caratteri della manifattura e, in questo caso, quale è la politica industriale che occorre adottare?

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments

No comments so far.
 
About us

La Fondazione Universitaria Economia Tor Vergata è uno strumento di relazione tra università, imprese e istituzioni.

Approfondisci »
Links & Resources
Help & Support

Problemi con il sito web?
Contatta il webmaster .

webmaster@poeco.uniroma2.it
Contatti

Via Columbia, 2
00133 Roma
Tel.: 06 72595570/5533
Fax: 06 72595569
segreteria.fondazione
luigi.paganetto